Monday, January 21, 2008

Spoiler!

Sarà davvero lui?







Mmm...

Friday, January 18, 2008

SHAMO!!!


Non vado pazzo per i manga. Appartengo alla generazione cresciuta a suon di Mazinga e Uomo Tigre, ma per non so quale motivo sono pochi i manga o gli autori che mi piacciono.
Mi piacciono molto i disegni di Shirow e Nihei, qui e là serie come Akira, JoJo, 20th century boys e Guyver... Avevo iniziato a leggere gli alboni di Nausicaa, prima del tracollo della Granata che lasciò la serie a metà, e poco altro.
Ora di queste eccezioni entra a far parte di prepotenza (è il caso di dirlo) questa saga crudele e realistica, scritta da Izo Hashimoto e disegnata da Akio Tanaka.
E' la storia di Ryo Narushima, studente modello che uccide i genitori in preda a un apparente e ingiustificato raptus omicida. Preso di mira dai bulli del riformatorio in cui viene rinchiuso, il ragazzo si salva solo grazie all'innata aggressività e al maestro di karate che gli insegna a focalizzare la rabbia repressa.
Il tutto raccontato in maniera estremamente realistica; Non aspettatevi colpi proibiti che fanno esplodere le gonadi dopo 3 giorni o calci volanti partiti dalla vetta del K2. Qui un pugno in faccia fa male davvero, e il colpo più proibito è un calcio nei coglioni o la sana vecchia testata in bocca.
Alcune scene rimangono impresse a fuoco nella memoria, come lo stupro e la sua conseguenza, il maestro di karate e la sua storia, o lo scontro tra Ryo e Kim nella capanna degli attrezzi.
Sorprendente l'abilità e la sintesi narrativa dello sceneggiatore, che con pochissimi dialoghi porta avanti magistralmente la storia. Un albo di circa 200 pagine si legge molto rapidamente, cosa che di solito mi farebbe storcere il naso, ma non in questo caso, visto quanto ci si sofferma ad ammirare i disegni di Tanaka. Ho recuperato i primi 3 volumi, per ora, e me li sono divorati! Questa roba da dipendenza!!!

Wednesday, January 09, 2008

Fantascienza

Rifiuti
1988. Di Carlos Trillo (Storia) e Juan Gimenez (Disegni).






















Napoli
2007/08. Di AA/VV










Bravi tutti.

Thursday, January 03, 2008

Tra l'idea e il foglio...

A volte, dopo il profiterol, mi pongo grandi domande.

Anzi: GRANDI DOMANDE!

Ecco la prima:



Parto da questa immagine realizzata da Tim Bradstreet, uno dei miei disegnatori/illustratori preferiti, per porre una domanda che credo possa interessare diversi amici lettori e autori di fumetti.
Le foto, le scansioni, le texture, i modelli 3d, Photoshop... Chi fa fumetti si accosta sempre più spesso a mezzi tecnologici, dall'usare le foto come semplice riferimento per una posa o un'inquadratura difficile ai fondali fotografici filtrati a photoshop, ecc...

Personalmente trovo fantastica l'applicazione di qualsiasi mezzo al fumetto (ma anche al cinema, alla musica, ecc...).
Ben venga qualsiasi novità in grado di ampliare le possibilità espressive di un media, soprattutto il fumetto, che rispetto ad altre forme di arte/intrattenimento pare proprio aver bisogno di una marcia in più.

Vi prego! Ditemi che non sono il solo a pensarla così!!!